Auditorium Gazzoli - Terni

MERENDINE IN CONCERTO
Beppe Donadio & Band

  • Permalink  
  • Auditorium Gazzoli - Terni
BEPPE DONADIO voce e pianoforte
ENRICO CATENA batteria e percussioni    FAUSTO ONGARINI basso e contrabbasso
GIOVANNI ROVATI chitarre    STEFANIA MARTIN cori
GIANCARLO ZUCCHI tastiere

Nato a Brescia nel 1968, Beppe Donadio studia il pianoforte classico sino all’età di 14 anni. È autodidatta per la successiva formazione strumentistica e vocale. Esperienza live dal 1990 come tastierista, pianista e corista. Sonorizza corti cinematografici dal 1994 ed è autore di musiche e testi dal 1996. Dopo “I Favolosi Becchi” (revisione di standards pop), “Io&Annie” (breve viaggio nella canzone d’autore americana, da James Taylor a Joni Mitchell, a Jackson Browne) e “Honkycats” (The Songs of Elton John & Bernie Taupin – tributo) e dieci anni di composizione, è arrivato “Merendine”, il primo cd, da lui interamente scritto, composto e prodotto. Registrato con una sezione ritmica d’eccezione (Franco Testa al basso ed Elio Rivagli alla batteria) e uno stuolo dei migliori strumentisti bresciani, “Merendine” è un concept-album che narra delle vicissitudini di Beppe D., aspirante cantautore al cospetto della discografia, in cerca di contratto. Il filo conduttore, l’audizione, è il collante di più generi musicali, dal reggae tarantellato di “Santi & Navigatori”, al noir-jazz “Naso di Plastica”, alle atmosfere on the road di “Niente di Niente”, fino al blues di “Fab Four Blues”, ossequioso tributo ai Beatles e all’arte di scrivere canzoni. Ex oggetto non identificato, “Merendine” è stato scoperto da Sergio Mancinelli di Radio Capital in “Area Protetta”, nell’agosto 2006, arrivando fino al palinsesto di ReteTre e ReteUno, radio nazionale svizzera, dove è tutt’ora programmato. Beppe Donadio ha aperto quest’anno i concerti bresciani dei cantautori Pacifico ed Eugenio Finardi. Il 15 aprile 2007 è partita la promozione nazionale di “Subliminale”, primo singolo estratto dall’album. Continuano i concerti con la band e in coppia con Michele Gazich, violinista bresciano di fama internazionale. “Naso di plastica”, estratto da “Merendine”, è tra i 6 brani finalisti del concorso “L’Isola che non c’era”, organizzato dalla rivista “L’isola che non c’era” col patrocinio del Club Tenco.

wpcf-luogo:
Auditorium Gazzoli - Terni

Log in or Sign Up

Questo sito o gli strumenti di Terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies, necessari al suo funzionamento o utili alle finalità indicate nella cookies Policy. Per maggiori informazioni o per negare il consenso all'uso dei cookie consulta la cookie policy. Cliccando su Autorizza, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookies Policy

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi